Scuola Digitale

 

Premessa
 
Per dare senso e valore al Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD), è necessario comprenderne appieno la sua vision e, conseguentemente, la mission che esso impone ad ogni scuola contemporanea: in primis l’inversione del paradigma “Dal singolo all’insieme” ovvero “Dalla scuola elettrificata alla scuola digitale”. Nel Terzo Millennio passiamo dunque dalla didattica 2.0 alla pedagogia 2.0.
Ogni scuola avrà un "animatore digitale", un docente che, insieme al dirigente scolastico e al direttore amministrativo, avrà un ruolo strategico nella diffusione dell'innovazione a scuola, a partire dai contenuti del PNSD. L’Animatore Digitale, docente individuato in ogni scuola, ha il compito di “favorire il processo di digitalizzazione nonché diffondere le politiche legate all'innovazione didattica attraverso azioni di accompagnamento e di sostegno sul territorio del Piano nazionale Scuola digitale”. “Sarà formato attraverso un percorso dedicato (a valere sulle risorse del DM n. 435/2015), su tutti i temi del Piano Nazionale Scuola Digitale”. Si tratta, quindi, di una figura di sistema che ha un ruolo strategico nell’ambito della realizzazione delle azioni previste nel PTOF.
La legge 107/2015 prevede che dal 2016 tutte le scuole inseriscano nei Piani Triennali dell’Offerta Formativa azioni coerenti con il Piano Nazionale Scuola Digitale, per perseguire i seguenti obiettivi:
• sviluppo delle competenze digitali degli studenti;
• potenziamento degli strumenti didattici laboratoriali necessari a migliorare la formazione e i processi di innovazione delle istituzioni scolastiche;
• adozione di strumenti organizzativi e tecnologici per favorire la trasparenza e la condivisione di dati;
• formazione dei docenti per l’innovazione didattica e lo sviluppo della cultura digitale;
• formazione del personale amministrativo e tecnico per l’innovazione digitale nella amministrazione;
• potenziamento delle infrastrutture di rete;
• valorizzazione delle migliori esperienze nazionali;
• definizione dei criteri per l’adozione dei testi didattici in formato digitale e per la diffusione di materiali didattici anche prodotti autonomamente dalle scuole.
Si tratta di un’opportunità di innovare la scuola, adeguando non solo le strutture e le dotazioni tecnologiche a disposizione degli insegnanti e dell’organizzazione, ma soprattutto le metodologie didattiche e le strategie usate con gli alunni in classe.
 
Ambiti d'intervento
(da PNSD - avviso pubblico per l'acquisizione e selezione di progetti tesi a fornire formazione agli animatori digitali - Prot. MIUR.AOODRLO.R.U.17270 del 27 novembre 2015 - Allegato 2: Tabella Aree tematiche).
 
Formazione interna
Stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, attraverso l’organizzazione di laboratori formativi, favorendo l’animazione e la partecipazione di tutta la comunità scolastica alle attività formative, come ad esempio quelle organizzate attraverso gli snodi formativi.
 
Coinvolgimento della comunità scolastica
Favorire la partecipazione e stimolare il protagonismo degli studenti nell’organizzazione di workshop e altre attività, anche strutturate, sui temi del PNSD, anche attraverso momenti formativi aperti agli operatori interni, alle famiglie e ad altri attori del territorio, per la realizzazione di una cultura digitale condivisa.
 
Creazione di soluzioni innovative
Individuare soluzioni metodologiche e tecnologiche sostenibili da diffondere all’interno degli ambienti della scuola (es. uso di particolari strumenti per la didattica di cui la scuola si è dotata; la pratica di una metodologia comune; informazione su innovazioni esistenti in altre scuole; un laboratorio di coding per tutti gli studenti), coerenti con l’analisi dei fabbisogni della scuola stessa, anche in sinergia con attività di assistenza tecnica condotta da altre figure.
 
Cosa è stato fatto sino ad oggi per digitalizzare la nostra scuola
Nel corso degli ultimi anni, il nostro Istituto ha realizzato l’allestimento dei laboratori di informatica, anche mobili, sia per la Scuola Primaria che per la Scuola Secondaria; ha avviato l’introduzione delle Lim in tutte le classi ed ha promosso l’accesso alla rete Internet con il cablaggio wi-fi interno di tutti gli spazi dei plessi. E' stato adottato l'uso del registro elettronico, promuovendo così la dematerializzazione realizzata anche tramite lo sviluppo del sito internet. E’ stato rinnovato e continuamente aggiornato il sito istituzionale della Scuola – www.icpappalardo.gov.it, secondo le recenti disposizioni normative, allo scopo di rendere più funzionale, partecipata e trasparente la comunicazione sia interna che esterna. Al suo interno l’area Amministrazione Trasparente, potenziata secondo quanto previsto dal Piano Triennale della Trasparenza, e Albo Pretorio on line, dedicato alla pubblicità legale, permettono l’accesso di ogni utente agli atti e alle decisioni degli organi collegiali e monocratici della scuola.
Il personale è stato guidato all'utilizzo delle nuove tecnologie attraverso la realizzazione di corsi di aggiornamento. Tramite una continua ricerca e sperimentazione di soluzioni digitali sempre nuove, sono state realizzate varie esperienze quali coding e creazione di mappe concettuali collaborative.
 
Piano d'intervento
(Essendo part edi un Piano Triennale il progetto potrebbe subire variazioni o venire aggiornato secondo le esigenze e i cambiamenti dell'Istituzione Scolastica).
 
Anni scolastici 2016/2017 – 2017/2018 – 2018/2019
 
Formazione interna
- Formazione specifica dell’Animatore Digitale.
- Formazione del Team Digitale (mod. 3) e di altri 10 docenti (mod. 1).
- Partecipazione a comunità di pratica in rete con altri animatori del territorio e con la rete nazionale: partecipazione a caffè digitali.
- Percorsi di formazione e/o autoformazione (piattaforme on-line), anche in assetto di piccoli gruppi per classi parallele e/o per ordine di scuola, con coseguimento di attestati finali per alunni e docenti.
- Formazione base/avanzata sull'utilizzo di strumenti per il lavoro in cloud.
- Formazione sul cyberbullismo: "Dalla persona al Nickname".
- Raccolta di risorse/eventi per la formazione in rete e pubblicazione sul sito.
- Condivisione delle esperienze formative tramite la raccolta di documentazione e link utili da pubblicare sul sito di Istituto.
- Supporto all'uso del registro elettronico.
 
Coinvolgimento della comunità scolastica
- Informazione costante agli organi collegiali sulle iniziative attuate.
- Integrazione e aggiornamento dello spazio dedicato al PNSD sul sito internet di Istituto.
- Incontri per studenti e genitori sul cyberbullismo (anche in collaborazione con l'Ente Locale e associazioni del territorio): conferenze sulle nuove tecnologie "I rischi e le responsabilità della comunicazione on-line".
- Incontri per gli studenti sull'educazione ai media (uso responsabile dei social, netiquette...): interventi di prevenzione e di informazione a cura di esperti dell'ASP n. 7.
- Promozione della condivisione di esperienze (attraverso momenti di confronto per classi parallele o verticali, monodisciplinari, documentazione delle attività effettuate sul sito di Istituto...).
- Produzione e pubblicazione di elaborati multimediali prodotti dagli alunni.
 
Creazione di soluzioni innovative
- Promozione dell'uso del software libero.
- Promozione della dematerializzazione attraverso il potenziamento dell'uso del registro elettronico e del sito internet di Istituto;
- Promozione della condivisione di esperienze (attraverso momenti di confronto per classi parallele o verticali, monodisciplinari, documentazione delle attività effettuate sul sito di Istituto...).
- Raccolta di materiale didattico da pubblicare nell'area riservata del sito della scuola, lavori degli alunni e dei docenti.
- Sperimentazione di nuove soluzioni digitali hardware e software.
- Estensione dell'uso del coding nella didattica a tutte le classi dell'Istituto.
- Utilizzo di piattaforme per l'aggiornamento e per la didattica on line.
- Promozione dell'utilizzo di software per la creazione di mappe mentali/concettuali collaborative.
- Effettuare esperienze di robotica, attraverso l'utilizzo di automi semimoventi.
- Individuazione di percorsi didattici e di strumenti digitali per favorire gli apprendimenti degli alunni BES e DSA.
- Ricognizione periodica della dotazione tecnologica d’Istituto e sua eventuale integrazione e revisione.
- Utilizzo di ambienti digitali mobili.
 
 
L'animatore digitale del nostro Istituto è la Prof.ssa Maria Concetta D'Angelo.

 

Vai all'inizio della pagina